Work in Bike

Work in Bike è un progetto di Fondazione Adecco realizzato per l’Associazione Fratelli San Francesco di Milano con lo scopo di sviluppare un percorso di educazione ed accompagnamento al lavoro di persone rifugiate accolte nella loro struttura di San Zenone.

In alcuni casi si tratta di rifugiati ‘ex minori non accompagnati’, un target sempre più bisognoso di supporto e di accompagnamento mirato al mondo del lavoro, vera chiave di inclusione sociale, dignità e futuro nella legalità.

Il progetto

Work in Bike si propone di rispondere ai bisogni di inclusione che caratterizzano le persone titolari di protezione internazionale e richiedenti asilo per le quali è più difficoltoso raggiungere il mondo del lavoro e permanervi e per questo necessitano di un supporto personalizzato che passa anche dalla valorizzazione della diversità in azienda e dalle sensibilizzazioni che Fondazione Adecco promuove ogni giorno per valorizzare l’inclusione nel mondo del lavoro.

Il percorso costruito per Associazione San Francesco passa da momenti in aula e momenti di formazione e incontri o colloqui individuali al di fuori del contesto dell’associazione che li accoglie, per avvicinarli al mondo delle imprese e delle organizzazioni che, sempre più spesso, offrono i loro spazi per ospitare i ragazzi e mettono a disposizione le loro competenze per supportare le simulazioni di colloquio.

Fondazione Adecco favorisce e crea reti virtuose di relazioni tra mondo profit e non profit favorendo il dialogo e lo scambio per un mondo del lavoro realmente inclusivo.

Inizialmente, attraverso un percorso di orientamento e educazione al lavoro, saranno dati gli strumenti necessari per affrontare tutte le fasi per entrare nel mondo del lavoro a partire dalla percezione di sé, sapersi raccontare, gestire la propria reputazione digitale, la ricerca attiva, l’affrontare con consapevolezza un percorso di selezione e saper gestire un colloquio di lavoro attraverso le regole base di un rapporto professionale con il mondo delle imprese.
Un lavoro in stretta collaborazione con gli educatori, i volontari ed i responsabili del centro che hanno fatto un lavoro straordinario su questi ragazzi spesso presi in carico in condizioni complesse.

Le persone coinvolte hanno la preziosa opportunità di incontrare referenti aziendali e selezionatori attraverso delle simulazioni in aula con la finalità di conoscere ed affrontare le differenze e le usanze delle diverse culture nella relazione e nell’incontro, di imparare a gestire l’incontro stesso ed il contesto, sapersi raccontare e saper valorizzare le proprie competenze.

Attività:

  • Percorso di orientamento e educazione al lavoro: composto da formazioni in aula e colloqui individuali
  • Supporto alla ricerca attiva
  • Monitoraggio in azienda