Progetto TSUNAMI

Secondo l’Istat sono tre milioni le persone con disabilità che vivono in Italia, una cifra che rappresenta il 5% della popolazione. Nel mondo del lavoro approda solo il 3,5%.
Per queste persone l’interazione tra condizioni di salute e fattori ambientali può tradursi in restrizioni alla piena inclusione sociale.
Partecipare e agevolare l’integrazione lavorativa delle persone con disabilità ha un valore sociale e una ricaduta economica a vantaggio collettivo, come più volte sottolineato dall’ILO (Organizzazione Internazionale del lavoro).
Il progetto TSUNAMI nasce per aumentare il numero di persone con disabilità che lavorano, per le quali oggi, escluse dal mercato del lavoro, l’ILO stima una perdita tra l’1% ed il 7% del PIL (Prodotto Interno Lordo).


Progetto
Il progetto sperimenta in Piemonte nuovi processi di inserimento tra aziende e persone nell’ambito del collocamento mirato (Legge 68/99), ispirandosi a metodologie già applicate con successo nel nord Europa, in Canada e negli Stati Uniti.
Il progetto, affiancato da una ricerca scientifica per l’analisi dei suoi effetti, si sviluppa tra marzo 2017 e settembre 2019 nei territori afferenti a 15 Centri per l’Impiego del Piemonte, in particolare: Torino, Vercelli, Novara, Asti, Rivoli, Alba, Tortona, Ivrea, Saluzzo, Ciriè, Novi Ligure, Chivasso, Orbassano, Borgosesia e Casale Monferrato.

Azioni Principali
L’iniziativa prevede la realizzazione di azioni di orientamento e tirocini che coinvolgono persone con nuova iscrizione alle liste di collocamento mirato, affiancate in tutto il percorso di inserimento da operatori qualificati (job coach) dedicati al supporto in azienda.

Beneficiari
Persone con disabilità neo iscritti ai Centri per l’Impiego assumibili ai sensi della legge 68/99 sul collocamento mirato.

Partner
Progetto promosso dalla Regione Piemonte e sostenuto dall’Unione Europea, realizzato da:
AGENZIA PIEMONTE LAVORO, ASVAPP, CREARE, Fondazione Adecco per le Pari opportunità, INFORCOOP, KAIROS MESTIERI.