MI_4maMI: per favorire l’occupazione giovanile

L’Italia ha il maggior numero in Europa di Neet (Not in Education, Employment, or Training): 2,2 milioni, equivalente al 24,3%, contro una media europea pari a 14,2%. Il target dei Neet non è facilmente identificabile perché eterogeneo e difficilmente reperibile; sono giovani dai 15 ai 29 anni che non studiano, né lavorano. Generalmente hanno un livello di istruzione basso, che si aggira intorno alla licenza media e pochissime competenze professionali, situazioni familiari difficili ed un generale senso di sfiducia sia nei confronti delle istituzioni che di una futura occupazione.

Come emerge, inoltre, dal report Young workers index del 2016 di PWC e come evidenziato anche dai dati OECD, i Neet italiani sono quelli che hanno maggiore difficoltà a uscire da tale condizione di svantaggio economico e sociale.

Progetto

Celav Centro Mediazione al Lavoro del Comune di Milano, Area Minori, Società Umanitaria e Fondazione Adecco hanno messo a disposizione il loro know how al fine di elaborare e sperimentare un Modello di Competenze e Conoscenze fortemente integrato e orientato a rispondere alle esigenze delle aziende partner sia nella formazione che nel tutoraggio durante il percorso formativo e lavorativo dei giovani coinvolti. Il Progetto, che inizierà ad ottobre 2019 e terminerà ad aprile 2020, è realizzato anche grazie al contributo della Fondazione Federico Gaffino.

Si tratta di un percorso di educazione al lavoro che contempla l’orientamento informativo finalizzato all’acquisizione di tutte le informazioni necessarie per trovare una occupazione; la consulenza orientativa che si pone l’obiettivo di individuare e costituire un progetto professionale e infine un tutoring finalizzato allo sviluppo di capacità proattive nella ricerca del lavoro basato.

Al termine del corso tutti i ragazzi avranno la possibilità di iniziare un percorso di tirocinio con eventuale futura possibilità di stabilizzazione con contratto di lavoro presso i nuovi negozi Spontini e preso i punti vendita Carrefour.

Obiettivo

MI_4maMI si pone l’obiettivo di agevolare l’incontro tra le categorie più deboli e con svantaggio sociale e le aziende produttive operanti sul territorio garantendo una formazione di qualità. In particolare, di favorire l’occupazione giovanile attraverso una formazione di qualità, finalizzata all’acquisizione di reali competenze tecnico-professionali spendibili concretamente nelle varie realtà lavorative coinvolte.

Attività

Le fasi di questo progetto consistono in:

  • Identificazione dei beneficiari;
  • Identificazione aziende partner;
  • Colloqui conoscitivi, di condivisione della proposta e di coinvolgimento dei beneficiari e definizione del gruppo;
  • Analisi contesti di lavoro e raccolta job description delle opportunità presso le aziende partner;
  • Percorso di orientamento al lavoro e di preparazione all’opportunità;
  • Formazione professionale e tutoring dei candidati;
  • Supporto all’inserimento;
  • Coaching e tutoring on the job.

Ai corsi accederanno 20 giovani aventi le seguenti caratteristiche:

  • Giovani in dispersione scolastica;
  • Minori stranieri non accompagnati.

Le classi verranno composte rispettando equilibri che abbiano il preciso intento di favorire la valorizzazione delle diversità e l’incontro fra culture. La costruzione del gruppo come elemento di supporto e acceleratore di competenze rappresenta l’elemento di attenzione e filo conduttore della metodologia formativa proposta.

I beneficiari coinvolti parteciperanno a 2 corsi di formazione professionale:

  • Addetto/a alla Pizzeria
  • Addetto/a alla Macelleria

Partner

I partner di progetto sono: Fondazione Adecco per le Pari Opportunità, Celav Centro di Mediazione al Lavoro del Comune di Milano, Area Minori, Società Umanitaria e Fondazione Federico Gaffino.